Bulimia

I miei genitori
sono quel grumo insanguinato,
quel groviglio
di emozioni crude.

I miei genitori
sono quel miscuglio
d’amore negato.

Quel bolo avverso,
di cui non riesco a saziarmi,
sono i miei genitori!

Li scaccerò
li vomiterò
e di quel boccone,

puro finalmente,
un dì felice
alfin mi sazierò.

È morto mio padre…

È morto mio padre,
viva il sogno
viva il morto.

Sono stesi i cadaveri
per terra paralleli
un uomo e due donne.

Sono stesi i cadaveri
per terra, in bianchi teli

viva il sogno.

La chiesetta tutta animata
par quasi sfumata.

Nubi di mosche
sciamano sui volti
privi dei pensier
freddi della morte.

Le mosche sciamano
fuggono anche le mosche.

Dopo il prete
il becchino
col mento striminzito,
….chissà perché
son sempre tutti uguali,
mette i corpi
dentro bare strette
per farli sentire
forse ancor vivi.

Sono morti i corpi
è morto mio padre

sono tre salme
un uomo e due donne

e vivo il sogno
è morto mio padre.