Così, forte, voglio amarti

(Quadro di Omar Biagi “Lenny″)

(“Lenny” Dipinto di Omar Biagi)

Così
forte
voglio amarti
che le nostre pelli rimangano
per sempre impigliate.

Così
forte
voglio amarti
che le mani anneghino
senza il tuo corpo.

Così
forte
voglio amarti
da percepire tutto soffuso
al di là della tua voce.

Così
forte
voglio amarti
da far dimentiche albe e tramonti
perso nei tuoi contorni.

Così
forte
voglio amarti
da sospendere il respiro
per ogni tuo sospiro…

Apache

_mg_60867876801.jpg 

       (Dipinto di Omar Biagi “Senza titolo” cm 100×100)

 

I tuoi contorni
il tuo profumo di Luna
nei profili scuri
l’argento che sfuma
la pelle liscia d’ambra
la bocca di miele scura
il tuo desiderio
che tutto mi freme
che esplode negli occhi
ancor prima che sulla pelle
le tue braccia
le unghie come lame
mi abbandono
dell’anima
spoglio
ed un fremito
il corpo
da padrone

Intimamente

Sono quello di tutti,
prostituto dell’Amore
per un grammo
d’affetto.
Non l’ho avuto
quando avrei dovuto.
Non l’ho meritato mai,
m’han fatto sapere!
L’ho elemosinato sempre,
sono arrivato a vedere.
Sono il prostituto dell’Amore.
Sono la puttana
del sentimento,
dello sguardo nascosto
reso solo alla luce del Sole.
Sono lo strappo
dell’anima.
Sono e non,
ne ho la certezza,
ne ho consapevolezza.
Sono la meretrice,
sono il gay,
sono la sfinge del sentimento.
Sono lo strappo,
purtroppo
d’un’umana follia!

Come incendiate il cielo…

Come incendiate il cielo
così il cuore suo
che da troppo tempo inseguo

come adombrate il sole
così gli occhi  miei
che con altri, vederla non possa

come seguite il passo suo leggero
così costringetemi, incatenatemi
che dal raggiungerla sia impedito

come solleticate all’alba le ciglia sue
così spargete cenere
per sempre
sulla memoria mia…

Immagine…

Tu

come l’acqua e l’aria,

m’appartieni